La velocità di internet è influenzata dal numero di utenti?


Internet Speeds

Questo è un problema molto comune con l’alta richiesta di banda di così tanti utenti internet ora, più l’alto numero di dispositivi che si connettono via Wi-Fi in molte case ora. Ma il numero di utenti influenza effettivamente la velocità di internet che otteniamo in casa?

Ecco una risposta generale:

La velocità di internet è influenzata dal numero di utenti, poiché la larghezza di banda totale disponibile su un servizio internet è condivisa tra tutti gli utenti e non è un’assegnazione “per persona”. Anche la potenza del segnale Wi-Fi, così come l’uso più ampio della rete in un’area locale o in un paese possono influenzare le velocità che gli utenti ottengono.

Il modo fondamentale in cui funziona il Wi-Fi significa che è soggetto alla congestione della rete, così come al degrado dei segnali, il che significa che non sempre otterremo le velocità di internet che ci aspettiamo in casa.

Fortunatamente, ci sono modi per aggirare questo problema, come passare a connessioni cablate e utilizzare il Wi-Fi dual band e altre impostazioni per gestire meglio il traffico sulle reti Wi-Fi in modo che gli utenti ottengano una velocità adeguata. Ci sono anche prodotti disponibili ora per aumentare la copertura Wi-Fi in casa per ottenere segnali migliori più lontani dal router.

Vediamo tutti questi fattori a turno, più alcune soluzioni e spiegazioni se la tua velocità di internet è più lenta di quanto ti aspetti in questo momento.

La larghezza di banda è condivisa dal numero di utenti sulla rete

Questo è il punto cruciale da menzionare per primo. Le velocità massime pubblicizzate su un servizio Wi-Fi/internet (ad esempio 100 Mbps) sono per l’intero servizio, non per ogni singola connessione a quel router. In altre parole, se hai 4 utenti in casa su un pacchetto da 100 Meg, allora quei 100 Meg sono condivisi tra i quattro, non 100 Meg ciascuno.

Le velocità dei piani Internet sono per connessione/router della casa, non per dispositivo.

Quindi, se tutti e 4 gli utenti si connettono contemporaneamente, forse due di loro in streaming in HD, e un altro che scarica, chi scarica potrebbe chiedersi perché il suo file ci sta mettendo così tanto a scaricare quando ha un pacchetto internet così veloce. È perché non riceverà l’intera quantità, perché deve essere condivisa tra tutti gli utenti.

I router devono condividere la larghezza di banda totale disponibile tra tutti i dispositivi di connessione

Le velocità possono essere più lente durante i periodi di picco di utilizzo

Un altro fattore esterno che può influenzare la velocità di internet è la domanda di traffico più generale nell’area locale più ampia, non solo all’interno di una casa. Gli ISP possono essere costretti a ridurre le velocità disponibili per ogni singola casa nelle ore di picco di utilizzo (generalmente considerate le sere dei giorni feriali dalle 19 alle 24, più i fine settimana), quando più persone sono a casa a usare internet.

Questo è uno dei motivi per cui non sempre otteniamo le velocità di internet per cui paghiamo, dato che gli internet provider non possono sempre fornire la massima velocità possibile in ogni momento a causa delle richieste di traffico.

La regolamentazione è stata inasprita in alcuni paesi per tenere conto di questo e costringere gli ISP a pubblicizzare solo le velocità medie nelle ore di punta, e non i massimi teorici che raramente o mai saranno in grado di fornire.

In altre parole, potrebbe non essere il segnale della tua rete Wi-Fi o la congestione che sta causando una scarsa velocità, ma un più generale strozzamento della larghezza di banda nella tua zona perché la domanda attuale è molto alta. O potrebbe essere una combinazione di entrambi i fattori.

A volte può essere difficile separare i due fattori, ma nelle sezioni seguenti copriremo alcuni suggerimenti per risolvere al meglio la congestione all’interno della tua casa, così almeno questo è coperto.

Gestire il traffico su reti domestiche affollate

Non c’è molto che possiamo fare su fattori esterni come le restrizioni della larghezza di banda nelle ore di punta, ma c’è molto che possiamo fare per ottimizzare le connessioni di rete all’interno della casa per ottenere il miglior segnale possibile, e gestire le richieste di traffico, in modo che gli utenti ottengano la migliore velocità possibile in ogni momento. Diamo un’occhiata ad alcune buone pratiche per raggiungere questo obiettivo.

Suggerimento #1 – Usa ethernet per i dispositivi cruciali

Un fattore cruciale per capire perché le connessioni cablate sono molto meglio di quelle wireless è capire come funziona il Wi-Fi, e perché è così incline alla congestione.

Fondamentalmente, il Wi-Fi funziona su un sistema Half Duplex, il che significa che i dispositivi su una banda Wi-Fi possono solo inviare o ricevere dati in qualsiasi momento, e solo UN dispositivo alla volta può inviare o ricevere.

In altre parole, i dispositivi devono “aspettare in fila” e aspettare che il router elabori le loro richieste quando sono in Wi-Fi, e mentre i router elaborano i dati molto velocemente, questo può causare ritardi e lag/buffering sulle reti domestiche occupate, poiché il router deve “destreggiarsi” tra le richieste di tutti allo stesso tempo.

Al contrario, le connessioni cablate operano su una connessione diretta e non congestionata al router attraverso una porta ethernet, e operano in Full Duplex, il che significa che possono inviare e ricevere simultaneamente senza ritardi, e più dispositivi possono farlo attraverso le porte multiple sul retro di un router. Non c’è neanche lontanamente la stessa congestione e gli stessi problemi di ritardo del Wi-Fi, ed è per questo che la connessione via cavo è sempre raccomandata soprattutto per i giocatori.

Questo è il motivo per cui è sempre meglio avere una connessione cablata se possibile, specialmente per lo streaming o il gioco. Puoi facilmente ottenere cavi ethernet o 5m, 10m, o più lunghi su Amazon.

Per gli utenti troppo lontani dal router per eseguire direttamente un cavo, l’opzione migliore successiva è un adattatore powerline, che fornisce connessioni ethernet tramite un paio di spine installate in due prese a muro intorno alla casa.

I dati vengono inviati sul circuito di casa esistente e la tecnologia powerline può essere una soluzione eccellente nelle case con un buon cablaggio. Può essere un modo intelligente di bypassare il Wi-Fi se il segnale è debole e passare al ethernet, anche quando si è lontani dal router.

Clicca qui per vedere il popolare TP Link adattatore Nano powerline su Amazon.

Altri modelli sono anche disponibili con una presa integrata e/o Wi-Fi.

Suggerimento # 2 – Usa il Wi-Fi Dual Band per dividere la tua rete

Questo è un altro trucco da provare per gli utenti che devono rimanere su Wi-Fi, ma almeno vogliono gestire meglio il traffico internet Wi-Fi. La maggior parte dei router moderni e Dual Band ora – il che significa che il Wi-Fi è diviso in una banda a 2,4 GHz e 5GHz – quindi può essere una buona idea distribuire il traffico su queste bande, in modo che nessuna banda sia troppo congestionata da troppi dispositivi.

Se il dual band è già abilitato, allora va tutto bene – dovresti avere due access point separati (uno per i 2.4 GHz e uno per i 5 GHz) con i loro SSID e password – quindi hai solo bisogno di collegare alcuni dispositivi a una banda e altri a un’altra in modo che nessuna banda sia intasata da troppi utenti.

Se Dual band non è abilitato, ecco i passi per attivarlo:

  • Accedere al router digitando il suo indirizzo IP nella barra degli indirizzi del browser. I più comuni sono 192.168.0.1 (o 192.168.1.1 o 192.168.1.254). Quindi digitare la password che sarà sul retro del router.
  • Una volta effettuato l’accesso al router, siete alla ricerca di impostazioni wireless o qualcosa di simile. O eventualmente andare su Configurazione/Impostazioni avanzate e poi su Wireless.
  • Di solito c’è un interruttore/opzione da qualche parte per attivare o disattivare le bande separate. Oppure può dire “Usa nomi e password diversi per il Wi-Fi a 2,4 GHz e 5 GHz” o qualcosa di simile.
  • Comunque sia formulata, assicurarsi che sia impostata su On, o che la casella per consentire la divisione sia spuntata.
  • A volte le bande a 2,4 e 5 GHz vengono visualizzate separatamente, e si può semplicemente andare a modificare l’SSID di ciascuna di esse (vedi il video qui sotto)
  • Se questa opzione è disponibile, il router creerà nomi separati per le bande a 2,4 GHz e 5 GHz.
    Annotare questi due SSID in basso, più le password per ciascuno.
  • Salvare le impostazioni e uscire dal router.
  • Poi si collegano i dispositivi a qualsiasi di questi due SSID (2.4 o 5 GHz) che si desidera, distribuendo il traffico in modo uniforme su entrambe le bande per ridurre la congestione su una qualsiasi banda.
  • Guarda il video qui sotto per una dimostrazione. Il processo generale è simile per tutti i router e le marche.

 

Suggerimento #3 – Utilizzare la qualità del servizio (QoS) per dare priorità al traffico di rete

Questo è un altro trucco intelligente per aiutare a dare priorità al traffico su una rete domestica occupata. Alcuni router hanno un’impostazione Quality of Service o QoS che permette ai dispositivi di essere prioritarizzati sulla rete in ordine di importanza, in modo che il router gestisca prima le loro richieste di traffico.

Ecco i passi rapidi per impostare il QoS:

  • Trovate l’indirizzo MAC della vostra dispositivo nei menu Impostazioni di connessione/Stato.
  • Vedere questa guida definitiva per trovare l’indirizzo MAC di qualsiasi dispositivo.
  • Accedere al router (digitare 192.168.0.1 o 192.168.1.1 in qualsiasi browser, più l’admin/password del router)
  • Trova le impostazioni QoS se sono disponibili
  • Selezionare la dispositivo utilizzando l’indirizzo MAC trovato in precedenza.
  • Impostare la priorità appropriata per ogni dispositivo (bassa, media, alta, massima – vedi sotto)
  • QoS non è disponibile su tutti i router.
  • Vedi il nostro articolo completo su QoS per passi più dettagliati.

Ecco l’ordine generale di importanza dei dispositivi su una rete domestica:

  • Dispositivi di gioco – hanno bisogno della massima priorità perché hanno bisogno di un basso ritardo di rete o latenza/ping per mantenere basso il lag.
  • Dispositivi di streaming – hanno bisogno di una priorità ragionevolmente alta per prevenire il buffering, ma non tanto quanto i giocatori.
  • Navigazione generale – email, social media, navigazione generale sui siti web. Un po’ di ritardo non rovina l’esperienza, quindi può avere una priorità da moderata a bassa

Suggerimento #4 – Regolare le impostazioni di streaming

Questo è un altro trucco veloce che può ridurre le richieste di larghezza di banda quando la rete è occupata. Puoi facilmente regolare la qualità/risoluzione dei video di YouTube cliccando sull’ingranaggio delle impostazioni in basso a destra dei video. Abbassando la qualità si può risparmiare sulla larghezza di banda.

Per gli streamer di Netflix, vedi qui per le loro velocità di connessione richieste e raccomandate per lo streaming a diverse risoluzioni, e qui per cambiare le impostazioni per usare meno larghezza di banda. Lo streaming a 720p o superiore è considerato HD/UHD ed è l’impostazione che richiede molta banda. Scendere a 480p (SD) o meno può far risparmiare molti dati.

Altri fattori che influenzano la velocità del internet

Ora che abbiamo parlato dell’impatto dell’uso della rete e della congestione sulla velocità del Wi-Fi, diamo un’occhiata ad alcuni altri fattori che possono influenzare la velocità che otterrai da internet.

1. Forza del segnale Wi-Fi – Un fattore enorme, forse il più importante. Il Wi-Fi si indebolisce naturalmente con la distanza, come tutte le onde RF, e si indebolisce ulteriormente quanto più ci sono ostacoli come muri e pavimenti. In altre parole, più lontano sei dal tuo router, più debole sarà il tuo segnale Wi-Fi.

Ecco alcune cose da provare per rinfrescare o migliorare il segnale per una migliore velocità in questo senso:

  • Avvicinatevi ai vostri router.
  • Spostare gli ostacoli fuori dalla strada.
  • Resettare il router e i dispositivi.
  • Aggiornare il router e i dispositivi
  • Disattivare e riattivare gli adattatori di rete (PC e laptop)
  • Aggiornare gli adattatori di rete
  • Cambiare i server DNS (vedi qui per le console di gioco e qui per i PC).
  • Vedi la nostra guida completa su come risolvere la disconnessione del Wi-Fi per i passi su come fare tutte queste cose.
  • Usa soluzioni di rete domestica per potenziare il segnale Wi-Fi o passa alla rete cablata. Le tue tre opzioni principali sono i ripetitori/estensori Wi-Fi (catturano e potenziano il segnale del router esistente), gli adattatori Powerline (inviano una connessione cablata attraverso il cablaggio della casa tramite un paio di spine dell’adattatore) e i sistemi Wi-Fi Mesh (versioni più avanzate e costose dei semplici estensori, con più nodi da installare intorno alla casa per una copertura Wi-Fi diffusa in grandi proprietà). Vedi articoli di confronto:

2. Infrastruttura di rete – Le velocità generali possono anche diminuire non solo a causa della congestione e della domanda nei momenti di picco, ma anche a causa di errori del server o guasti dal tuo ISP. Questo può essere un problema di diagnostica – a volte potresti avere velocità lente pensando che sia un problema interno, ma a volte può essere un problema esterno con interruzioni di servizio dal tuo provider.

  • Le tempeste possono mettere fuori uso l’energia elettrica e l’infrastruttura internet, influenzando la velocità o interrompendo del tutto il servizio.
  • La pioggia battente e l’umidità possono influenzare il segnale Wi-Fi tra gli edifici e dai ripetitori cellulari.
  • I cavi sottomarini che trasmettono i dati internet tra paesi e continenti a volte possono essere danneggiati, il che significa che il traffico deve essere reindirizzato, abbassando la velocità di internet in diverse parti del mondo.
  • Controlla lo stato del servizio qui:

Ottenere Internet più veloce

Se trovi che le richieste di larghezza di banda nella tua casa hanno superato il servizo attuale, allora può avere senso passare a un pacchetto migliore con alte velocità, così ogni utente ha accesso a una larghezza di banda potenzialmente maggiore.

Tuttavia, è anche una buona idea assicurarsi di aver ottimizzato completamente la propria rete attuale (passando al cablaggio, potenziando il segnale, gestendo la congestione) prima di pagare per aggiornamenti di pacchetti a volte costosi. Abbiamo cercato di fornire alcuni suggerimenti per fare questo sopra.

Comunque, se vuoi avere un internet più veloce, ci sono sempre pacchetti disponibili, con velocità di punta sempre più alte ogni anno. Vedi la tabella qui sotto per i pacchetti più veloci dei principali internet provider italiani.

FornitoreOfferta PrincipaleVelocità*Prezzo*
TIMTIM Superfino a 1GB29,90/mese
FastwebFastweb Casafino a 1GB29,95/mese
Vodafone ItaliaInternet Unlimitedfino a 1GB29,90/mese
TiscaliUltrainternet Fibrafino a 1GB27,95/mese

*Non tutti i fornitori sono disponibili in tutte le aree. Hanno uno strumento di codice postale per controllare la disponibilità nella tua zona.

Oliver

Online gamer and general home networking enthusiast. I like to create articles to help people solve common home networking problems.

Recent Posts