Niente più porte ethernet sul router (Soluzioni)


Router Ethernet Connections

Abbiamo già spiegato altrove come le connessioni cablate siano sempre migliori di quelle wireless in termini di affidabilità e coerenza, ma cosa succede se avete seguito questo noto consiglio di networking e state iniziando ad esaurire le porte ethernet perché ci sono troppi dispositivi che volete collegare via ethernet? Cosa succede quando si esauriscono le porte ethernet sul router principale?

In realtà ci sono più modi di quanto si possa pensare per aggiungere più porte ethernet e punti di accesso ad una rete domestica.

Il modo migliore per aggiungere più porte ethernet se non ne avete più nessuna sul router principale è acquistare uno switch ethernet e collegarlo al router con un cavo di rete corto. A seconda del modello di switch che si ottiene, questo può quindi aggiungere da 4 a 96 punti di accesso cablati aggiuntivi per collegare altri dispositivi ed espandere la rete domestica.

Gli switch ethernet multiporta sono facilmente disponibili online – è sufficiente acquistare un modello con il numero di porte aggiuntive di cui si prevede di aver bisogno sulla propria rete domestica. Si collega lo switch al router principale e poi si collegano altri dispositivi al proprio switch.

Con le esigenze di rete domestica e di larghezza di banda che aumentano ogni anno, avere accesso a più punti di accesso cablati può essere utile per alcune attività.

Da un lato, la crescita di tablet, smartphone e altri dispositivi portatili senza fili ha diminuito la necessità di connessioni cablate, ma dall’altro lato la crescita di altre cose come Netflix e lo streaming di YouTube e i giochi online ha aumentato la domanda di connessioni forti e cablate che offrono un’elevata larghezza di banda e una bassa latenza.

Questo è il punto in cui le connessioni ethernet cablate possono davvero tornare utili, ma la maggior parte dei router forniti dagli ISP standard sono dotati solo di 4 porte ethernet da utilizzare per le connessioni cablate.

Quando si sommano tutti i diversi dispositivi come PC, laptop, console di gioco, dispositivi di streaming e così via che vengono utilizzati in alcune case, ci si può trovare rapidamente a corto di porte ethernet se si ha un sacco di gente che vuole connettersi via cavo.

C’è anche il problema di persone diverse che hanno bisogno di una connessione cablata essendo in stanze diverse al router principale. Come fanno a connettere i loro dispositivi via ethernet quando si trovano in più stanze o piani lontani dal router?

Ci sono diverse soluzioni a questo problema, oltre all’utilizzo di switch ethernet. Vediamo più in dettaglio come aggiungere altri punti di accesso cablati alla rete domestica.

Router 4 Ports
La maggior parte dei router ISP standard sono dotati di sole 4 porte ethernet – non abbastanza nelle case dove si fa molto gioco, streaming e download.

Ottenere uno switch Ethernet per aggiungere altre porte alla rete domestica

La soluzione principale per gli utenti che cercano di ottenere un maggior numero di porte ethernet cablate per collegare i dispositivi è quella di ottenere uno switch ethernet multi-porta.

Sono disponibili a basso costo e possono avere da 4 a 8, 16, 32 o più porte ethernet. La maggior parte dei modelli farà un buon lavoro, quindi il marchio non ha molta importanza; è proprio il numero di porte ethernet in più che si prevede di avere bisogno che è la cosa principale.

Ecco i link ad alcuni modelli di switch ethernet su Amazon:

  • Cliccare qui per il TP Link 5 porte Gigabit Desktop Switch.
  • Clicca qui per lo Switch Gigabit Ethernet a 8 porte Netgear GS108.
  • Clicca qui per lo Switch Gigabit Ethernet a 16 porte Netgear GS316.

I cavi Ethernet sono disponibili a basso costo su Amazon – Cat 5e o Cat 6 sono i migliori da utilizzare.

Per la maggior parte degli utenti domestici, l’aggiunta di 4-8 porte aggiuntive è di solito sufficiente. Gli switch più grandi sono più spesso utilizzati da aziende e università/università per espandere reti più grandi. Gli stessi principi si applicano in todo casos.

Gli switch Ethernet forniscono semplicemente più porte ethernet per collegare più dispositivi che necessitano di una connessione cablata più forte

Una volta che avete lo switch di cui avete bisogno, è sufficiente collegarlo ad una delle porte del router principale con un corto cavo ethernet, e poi collegare i vostri dispositivi aggiuntivi alle porte ethernet di questo switch, dandovi la possibilità di collegare più dispositivi via ethernet se preferite per una connessione più forte.

Se vi piace potete anche ottenere più switch e installarli in stanze diverse, se avete diversi gruppi di dispositivi in diverse aree della casa che si desidera ottenere su una connessione cablata.

È necessario per instalado lunghi cavi ethernet a ciascuna di queste stanze anche, se per collegare ogni interruttore al router principale.

Questa è la parte difficile che alcuni di noi non vogliono fare. Vedi anche più avanti per alcune opzioni più semplici, anche se leggermente meno efficaci, per aumentare la connettività in casa che non richiedono interruttori o autocostruzione o l’installazione di lunghi cavi attraverso la casa.

Acquistare switch (non router) per espandere le reti domestiche

Un punto cruciale da sottolineare in questo caso è che è importante acquistare uno switch per aggiungere più porte ethernet alla rete, e non un altro router.

Questo perché i router sono tecnicamente diversi dagli switch e operano in modi diversi. I router possono essere considerati in generale dispositivi più complessi degli switch, che sono solo dispositivi di inoltro.

In termini semplici, gli switch si limitano a inviare e ricevere traffico tra i dispositivi, come i router e le console di gioco o i PC. Essi fungono solo da dispositivi di inoltro “intermediario”.

I router sono più complessi e fanno altre cose come l’assegnazione di indirizzi IP, quindi se si hanno 2 o più router attivi contemporaneamente su una rete domestica possono causare problemi.

Se si finisce per acquistare un altro router invece di uno switch e collegare i router ai router invece dei router agli switch, si hanno poi più dispositivi che assegnano indirizzi IP e altre complicazioni di rete che possono fondamentalmente rovinare la connettività per il gioco e altre cose.

Per questo motivo è importante collegare i router solo agli switch e non altri router per espandere una rete domestica. A meno che non siate uno specialista di rete ben qualificato, dovreste avere la necessità di utilizzare un solo router su una rete domestica e altri switch aggiuntivi solo per estendere la connettività cablata.

La connessione di più router insieme può portare a problemi e dovrebbe essere evitata a meno che non si sappia davvero cosa si sta facendo.

Altre soluzioni per espandere le reti domestiche

Alcune persone non vogliono avere a che fare con il fai da te, facendo buchi nei muri e nei soffitti per installare i cavi ethernet in tutta la casa per creare queste reti cablate a cui aggiungere altri switch.

Naturalmente non siamo tutti naturalmente inclini al fai da te, o potremmo semplicemente non voler praticare fori o avere fili che scorrono per tutta la casa.

Per queste persone ci sono alcune altre alternative per alimentare i cavi ethernet attraverso la casa e aggiungere altri switch. Ecco alcune soluzioni di rete domestica più semplici per aggiungere più punti di accesso per espandere la connettività, che non richiedono il fai da te, ma a volte comportano costi maggiori.

1. Utilizzo di adattatori Powerline – Gli adattatori Powerline sono un’eccellente soluzione di rete domestica che può efficacemente trasformare una presa a muro in una connessione internet e fornire più punti di accesso cablati in tutta la casa.

Si inserisce un adattatore in una presa a muro e lo si collega al router. Si inserisce l’altro adattatore e lo si collega al dispositivo, e le due spine comunicano attraverso il cablaggio elettrico della casa per fornire una connessione a Internet – vedi il video qui sotto.

Non forniscono tante porte extra quante uno switch, ma sono semplici prodotti plug and play, senza confusione e, a seconda del modello, hanno da una a tre porte Ethernet aggiuntive per fornire connessioni cablate in qualsiasi stanza della casa.

È molto possibile creare una rete Powerline intorno alla casa con più punti di accesso cablati in diverse stanze, anche se il costo sarà probabilmente più alto rispetto all’uso di switch e l’affidabilità sarà buona ma non così solida come la gestione di una rete ethernet/switch.

Per l’espansione della rete, vedere il TP Link TL-PA 8030P su Amazon. Esso fornisce 3 porte ethernet all’estremità ricevente per collegare i dispositivi.

Costano un sacco di soldi, ma sono ottime per chi non vuole problemi di fai da te. Vedi la nostra tabella di confronto dei prodotti per una suddivisione dei modelli principali per caratteristiche e funzionalità.

Come funzionano gli adattatori Powerline in 2 minuti

https://youtu.be/QmGFZSFEUqo

 

2. Utilizzare un adattatore Powerline Wi-Fi – Un’altra soluzione alternativa è quella di utilizzare un adattatore wireless powerline, che funziona più o meno allo stesso modo di un adattatore powerline standard, tranne che produce anche un punto di accesso wireless clonato sul lato ricevente, oltre ad avere una o più porte ethernet a cui collegare i dispositivi cablati.

È quindi possibile collegare i dispositivi portatili a questo punto di accesso Wi-Fi più vicino e più forte invece del router principale per un segnale migliore e più affidabile. Vedi la nostra tabella dei prodotti Powerline Adapter per la ripartizione di tutti i diversi modelli – alcuni sono solo cablati e altri hanno funzionalità cablate e wireless.

Con questi modelli Wi-Fi, vedi il TP Link TL-WPA 8630P-Kit su Amazon, nella foto qui sotto. Fornisce 3 porte ethernet, più il Wi-Fi veloce dual-band all’estremità di ricezione.

Vedi anche la nostra pagina sui modelli di powerline Wi-Fi per immagini e link ad altri modelli.

3. Rimanere in Wi-Fi – Un’altra opzione è semplicemente quella di utilizzare il Wi-Fi per tutti i dispositivi una volta esaurite le porte ethernet del router principale. Questo può funzionare bene per molte persone; il Wi-Fi diventa in qualche modo migliore e più affidabile man mano che escono i router più recenti con un hardware migliore.

Alcune persone soffrono ancora di un Wi-Fi debole, tuttavia – dipende da molti fattori come le dimensioni e la struttura della casa, l’hardware del dispositivo e del router e il tipo di attività online.

Il Wi-Fi va quasi sempre bene per le cose più leggere, come la navigazione generale o la posta elettronica, ma può essere meno affidabile per le attività che richiedono maggiore larghezza di banda o latenza, come i giochi, lo streaming e il download.

4. Utilizzare sistemi Wi-Fi Mesh – Un’altra soluzione più costosa per estendere la rete domestica è quella di utilizzare sistemi Wi-Fi Mesh, che consistono in un insieme di due o tre pod o nodi che sono posizionati in punti strategici intorno alla casa per estendere la copertura wireless e fornire un segnale migliore in tutte le parti della casa, con una maggiore larghezza di banda e una connessione Wi-Fi più affidabile.

Questi prodotti possono essere ottimi per le case più grandi dove la richiesta di larghezza di banda è piuttosto alta, ma dove la tecnologia powerline può essere poco pratica. Possono anche consentire di rimanere in Wi-Fi solo se questo è ciò che si preferisce.

Tuttavia, i sistemi mesh sono prodotti molto costosi e in molti casi un adattatore powerline cablato o wireless può fare lo stesso lavoro per meno soldi. Vedi il nostro articolo in italiano che confronta i sistemi mesh e gli adattatori powerline.

Oliver

Online gamer and general home networking enthusiast. I like to create articles to help people solve common home networking problems.

Recent Posts